AGI | La pandemia ha sconvolto la vita delle persone affette da autismo

AGI – Se è vero che la pandemia ha scombussolato la vita di tutti è altrettanto vero che per alcune persone è stato ed è più difficile di altre. Per le persone affetta da un disturbo dello spettro autistico, ad esempio, l’emergenza Covid-19 è stata devastante. Così come per le loro famiglie. Costretti infatti a rivedere le loro abitudini quotidiane, fondamentali per la gestione della malattia, si sono ritrovati soli ad affrontare nuovi e più pesanti ostacoli. Per questo la nuova edizione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, che si celebra oggi, assume quest’anno una maggiore importanza. Questa, infatti, è la giornata “perfetta” per promuovere una maggiore consapevolezza delle difficoltà e dei diritti dei malati nell’opinione pubblica e nelle istituzioni. (…continnua)

E’ stata anche lanciata la campagna nazionale “dueapriletuttigiorni – ConTatto Blu”, ideata da La Stella di Daniele Onlus, che si realizza attraverso due step. Il primo vedrà coinvolta una catena di supermercati, con cui inizierà l’azione di sensibilizzazione, alla quale saranno avanzate tre richieste: abbassare in ogni punto vendita la musica, la luce, la voce, sensibilizzando così il personale e i clienti stessi, per realizzare un momento Blu di accoglienza particolare dei bambini o ragazzi autistici.

Il secondo step prevede la sensibilizzazione di Istituzioni, centri sanitari, associazioni, imprese, commercianti, affinchè si crei un ConTatto Blu nelle loro strutture: un percorso fisico e affettivo di accoglienza all’interno di negozi, farmacie, stazioni, aeroporti, con personale sensibile al problema dell’autismo che possa accogliere e sostenere sia il ragazzo disabile sia la sua famiglia. Insomma, tante iniziative, un unico obiettivo: informare, formare e sensibilizzare su un disturbo ancora poco compreso, come quello dell’autismo, per cercare di rendere la vita dei malati e delle loro famiglie più semplice.

Leggi l’intero articolo, clicca qui

Rai News | Al via supermercati e centri commerciali con percorsi dedicati a ragazzi con autismo

E’ l’obiettivo della campagna nazionale “dueapriletuttigiorni – ConTatto Blu”, lanciata da La Stella di Daniele Onlus,  in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo

Creare un percorso privilegiato che aiuti i ragazzi con autismo a muoversi all’interno di supermercati, centri commerciali, stazioni ferroviarie. E’ l’obiettivo della campagna nazionale “dueapriletuttigiorni – ConTatto Blu”, lanciata da La Stella di Daniele Onlus,  in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo che si celebra il oggi.  La campagna “dueapriletuttigiorni – Contatto Blu”, si realizzerà attraverso due step. “Il primo vedrà coinvolta una catena di supermercati, con cui inizierà l’azione di sensibilizzazione, alla quale saranno avanzate tre richieste: abbassare in ogni punto vendita la musica, la luce, la voce, sensibilizzando così il personale e i clienti stessi, per realizzare un momento Blu di accoglienza particolare dei bambini o ragazzi autistici”, aggiunge Laura Rossi, Presidente di La Stella di Daniele Onlus, da sempre impegnata sul campo del Terzo Settore.   “Sarà l’Associazione a formare il personale delle strutture e tutte le persone che vorranno partecipare all’iniziativa. Il secondo step prevede la sensibilizzazione di Istituzioni, centri sanitari, associazioni, imprese, commercianti, affinché si crei un ConTatto Blu nelle loro strutture: un percorso fisico e affettivo di accoglienza all’interno di negozi, farmacie, stazioni, aeroporti, con personale sensibile al problema dell’autismo che possa accogliere e sostenere sia il ragazzo disabile sia la sua famiglia. Per esempio in una stazione ferroviaria il personale potrà indicare una zona comfort per stare lontani dal caos in attesa della partenza di un treno facendo sentire il ragazzo/bambino e i genitori accolti e protetti, lo stesso in un centro commerciale dove personale formato adeguatamente potrà assistere una mamma o papà mentre fanno spese o commissioni”, dice Laura Rossi. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/autismo-due-aprile-campagna-contatto-blu-b60d8aaf-703a-448d-bac2-626c6a735dbe.html

Leggi l’intero articolo clicca qui

 

 

La Repubblica | Da Roma un progetto per aiutare i bimbi etiopi

In occasione della Giornata mondiale della sindrome di down un progetto italiano “Ethiopia meets Italy – love disability” grazie a La Stella di Daniele Onlus che mette in campo un’alleanza per sostenere i bambini etiopi con disabilità (diretta zoom -Roma chiama Addis Abeba ore 10.30 (http://bit.ly/ethiopiameetsitalia) e per offrire loro un posto giusto nel mondo. L’avvio del progetto sarà salutato dall’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma, Veronica Mammì. Organizzato da La Stella di Daniele onlus per aitare un paese come l’Etiopia ad abbattere le barriere sulla Sindrome di Down, il progetto, patrocinato dall’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma, è nato per sostenere la Deborah Foundation ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi Down.

Continua a leggere l’intero articolo

 

Askanews: Sindrome di Down, Roma aiuterà l’Etiopia

L’obiettivo de La Stella di Daniele Onlus, che con la sua Presidente Laura Rossi da anni sostiene progetti charity (primo fra tutti il Non Calendario che ritraeva volti noti accanto a ragazzi Down), è stato quello di mettere a disposizione le grandi competenze ed esperienze delle realtà associative, sanitarie e istituzionali italiane, per dar forza a Paesi meno preparati ad affrontare le disabilità.

Sono stati avviati contatti tra la Fondazione Etiope, DEBORAH FOUNDATION Onlus e l’AIDP, Associazione Italiana Persone Down, EDSA, European Down Syndrome Association, l’Associazione Agorà, l’Albergo Etico, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, il Policlinico Agostino Gemelli, realtà significative in Italia che da anni si dedicano alle persone con la Sindrome di Down. Il Team della Deborah Foundation e il Team Italiano lavoreranno insieme sulla formazione: per la primissima infanzia e il primo anno di vita con una guida per le famiglie per la presa in carico del piccolo, per l’inclusione a scuola, per il lavoro, l’autonomia, per tutti i bisogni delle persone Down di varie età.

Leggi l’intero articolo qui

Il Corriere | Accordo Roma-Etiopia per aiutare i bambini down nel loro Paese

In occasione della Giornata mondiale della Sindrome di Down al via «Ethiopia meets Italy-Love disability. Il loro posto giusto nel mondo». Organizzato da «La Stella di Daniele onlus» per aiutare un paese, come l’Etiopia, ad abbattere le barriere sulla Sindrome di Down, «Ethiopia meets Italy-Love disability», – patrocinato dall’assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma – è nato per sostenere la «Deborah Foundation» ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi down. La Fondazione ha bisogno di una guida nella formazione del personale che lavora nel centro e ha necessità di sostenere le famiglie dei ragazzi con disabilità per costruire un mondo e futuro migliore.

Leggi l’intero articolo qui

 

Fortune Health: Un filo d’amore unisce Roma e Addis Abeba

Un filo d’amore unisce Roma e Addis Abeba: la Stella di Daniele Onlus dà vita a un’alleanza per sostenere i bambini etiopi con disabilità. In occasione della Giornata mondiale della sindrome di Down debutta infatti “Ethiopia meets Italy – Love Disability. Il loro posto giusto nel mondo”.

Si tratta di un progetto organizzato per aiutare un Paese come l’Etiopia ad abbattere le barriere sulla sindrome di Down, patrocinato dall’assessorato alla Persona, Scuola e Comunità solidale del Comune di Roma. Obiettivo, sostenere la Deborah Foundation ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi Down. La Fondazione ha bisogno di una guida nella formazione del personale che lavora nel centro; ha necessità di sostenere le famiglie dei ragazzi con disabilità per costruire un mondo e futuro migliore.

“Siamo orgogliosi che altri Paesi guardino a Roma come un modello da seguire, che si instauri una collaborazione che è occasione di crescita e di progettualità, con lo sguardo sempre ampio, sulle molteplici dimensioni legate alla sindrome di Down, capace di estendersi anche nel lungo termine, come quello dei genitori, che sosteniamo con il “dopo di noi” e al contempo di agire restando focalizzato sul presente, sull’oggi – ha affermato Veronica Mammì, assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale del Comune di Roma che ha salutato l’avvio di Love Disability intervenendo oggi in diretta nel corso del webinar di presentazione del progetto di solidarietà ..

Continua a leggere l’articolo qui

Yahoo News | Ethiopia meets Italy – Love Disability. Il loro posto giusto nel mondo

Roma, 21 mar. (askanews) – In occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down al via “Ethiopia meets Italy – Love Disability. Il loro posto giusto nel mondo”. Organizzato da La Stella Di Daniele Onlus per aiutare un paese, come l’Etiopia, ad abbattere le barriere sulla Sindrome di Down, “Ethiopia meets Italy – Love Disability”- patrocinato dall’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma – è nato per sostenere la Deborah Foundation ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi Down. La Fondazione ha bisogno di una guida nella formazione del personale che lavora nel centro; ha necessità di sostenere le famiglie dei ragazzi con disabilità per costruire un mondo e futuro migliore.

“Siamo orgogliosi che altri Paesi guardino a Roma come un modello da seguire, che si instauri una collaborazione che è occasione di crescita e di progettualità, con lo sguardo sempre ampio, sulle molteplici dimensioni legate alla sindrome di Down, capace di estendersi anche nel lungo termine, come quello dei genitori, che sosteniamo con il “dopo di noi” e al contempo di agire restando focalizzato sul presente, sull’oggi – ha affermato Veronica Mammì, Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma che ha salutato l’avvio di Love Disability intervenendo oggi in diretta nel corso del webinar di presentazione del progetto di solidarietà – Il primo impegno è la sensibilizzazione, la corretta informazione e formazione continua delle professionalità coinvolte, l’inclusione vera, vale a dire il cambiamento culturale che si traduce in opportunità reali, concrete, nell’accettare l’indipendenza che ciascuno raggiunge, nel tutelare la libertà di scelta dell’altro, portatore di diritti e pari dignità”.

L’obiettivo de La Stella di Daniele Onlus, che con la sua Presidente Laura Rossi da anni sostiene progetti charity (primo fra tutti il Non Calendario che ritraeva volti noti accanto a ragazzi Down), è stato quello di mettere a disposizione le grandi competenze ed esperienze delle realtà associative, sanitarie e istituzionali italiane, per dar forza a Paesi meno preparati ad affrontare le disabilità.

Leggi l’intero articolo qui 

Love Disabilty | Ethiopia meets Italy

Agenzia Nova | Sanità: al via progetto “Etiopia meets Italy”

Roma, 21 mar 13:27 – (Agenzia Nova) – In occasione della giornata mondiale della sindrome di down al via “Ethiopia meets Italy-love disability. Il loro posto giusto nel mondo”. Organizzato da “La stella di Daniele Onlus” per aiutare un paese, come l’Etiopia, ad abbattere le barriere sulla sindrome di Down, il progetto, patrocinato dall’assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma, è nato per sostenere la Deborah Foundation ad Addis Abeba, primo e unico centro etiope realizzato per aiutare bambini e ragazzi down. “La fondazione ha bisogno di una guida nella formazione del personale che lavora nel centro; ha necessità di sostenere le famiglie dei ragazzi con disabilità per costruire un mondo e futuro migliore”. Lo comunicano in una nota gli organizzatori.

“Siamo orgogliosi che altri Paesi guardino a Roma come un modello da seguire, che si instauri una collaborazione che è occasione di crescita e di progettualità, con lo sguardo sempre ampio, sulle molteplici dimensioni legate alla sindrome di down, capace di estendersi anche nel lungo termine, come quello dei genitori, che sosteniamo con il ‘dopo di noi’ e al contempo di agire restando focalizzato sul presente, sull’oggi”, aggiunge Veronica Mammì, assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale del Comune di Roma che ha salutato l’avvio di Love Disability..

Continua a leggere l’intero articolo

 

https://www.agenzianova.com/a/6057409530a170.75531820/3366570/2021-03-21/sanita-al-via-progetto-etiopia-meets-italy-per-giornata-mondiale-sindrome-di-down-4/linked